venerdì 4 giugno 2010

Pillola anti-paura




Questa cosa della pillola anti-paura mi inquieta un po'.
Io penso che la paura abbia una funzione ben precisa nell'evoluzione umana, quella cioè di preservare se stessi da situazioni pericolose se non, addirittura, dalla morte. Un po' di sana paura non ha mai fatto male a nessuno , anzi, a volte ci avrà certamente impedito di compiere gesti sconsiderati e mettere a repentaglio la nostra ed altre vite. La paura è qualcosa che piano piano nella vita impariamo a dominare, razionalizzare, con cui conviviamo.
Dice che l'hanno sperimentata sui topi questa pillola, sempre loro poveretti; non avevano più paura dei gatti, anche se quelli alla fine se li mangiavano lo stesso.
Capito cosa mi inquieta?

3 commenti:

Giangiacomo ha detto...

Comunque un farmaco simile esiste già da tempo: si chiama cocaina...
Che pare scorra a fiumi dalle nostre parti.
E il tuo ragionamento io lo faccio sempre quando (ormai per me sempre più di rado) mi capita di vedere due o più signore/i che, senza paura (o dignità, fai tu), litigano a più non posso in tv...
Ecco, questo tipo di mancanza di "timore" mi preoccupa da tanto: pensa se un giorno tale "farmaco" venisse dato gratuitamente dal servizio sanitario!

jonuzza ha detto...

lo scopo è quello di renderci sempre più robotici

Susanna Bonaventura ha detto...

La notizia mi lascia perplessa.
Perchè c'è chi studia qualcosa del genere?
In questo momento, alla tv, danno un film di fantascienza: una squadra di cyborg attacca. Il comandante, commentando con un sottoposto, dice: per fortuna ci sono questi cyborg-soldati! loro non sanno cosa sia la paura.