domenica 26 settembre 2010

Breve storia di ordinari disguidi.



Sono di nuovo operativo a 360°, intendendo con ciò che è tornato l'adsl anche nella casina.
Come dicevo nel post precedente dal 6 settembre eravamo privi di collegamento e di voce e solo venerdì siamo riusciti a tornare cittadini come tutti gli altri.
Brevissimamente, è successo questo. A marzo sono stato contattato telefonicamente da un noto operatore, di cui non faccio il nome, per l'offerta di un contattato che mi sembrò da subito assai conveniente. Dopo aver aderito ricevetti il contratto che rispedii prontamente debitamente firmato; da allora, per molti mesi, non seppi più nulla, nonostante i miei costanti solleciti. Il sei settembre scoprimmo di non avere più linea adsl e, cosa assai più grave, collegamento telefonico. Da quella data ogni giorno ho telefonato al call center dell'operatore sollecitando il ripristino della linea ottenendo risposte piuttosto evasive da incolpevoli addetti sin quando, esasperato, mi sono deciso a rivolgermi al CORECONS, denunciando l'accaduto e richiedendo un loro intervento.
Come sarà come non sarà due giorni dopo la mia denuncia ho ricevuto il modem dedicato, una telefonata nel quale mi si chiedeva se avevo bisogno di assistenza per l'istallazione; poi, dulcis in fundo, mi ha contattato il servizio legale proponendomi cinque mesi di abbonamento gratuito per il disagio subito.
La morale di questa modesta vicenda (non sto parlando di case a Montecarlo o corruzione di testimoni) è che bisogna utilizzare gli strumenti di cui i cittadini dispongono per far valere le proprie ragioni e soprattutto che, almeno per la mia esperienza, queste istituzioni, una volta sollecitate, funzionano egregiamente.

6 commenti:

tentare, nuoce ha detto...

...mi rammenta purtroppo di bastoni asini e carote...

Angelo ha detto...

Esperienza simile...da quella Wolta prima di caNbiare ci penZo trenta Wolte (e poi non cambio...)

Baol ha detto...

Bentornato...

averessere ha detto...

Completamente d'accordo. A volte anzichè rimanere delusi con la sola consolazione del "non va bene niente" bisognerebbe ricordarsi di questi strumenti di controllo e utilizzarli. Forse un modo di agire più angolosassone e meno italiano ? Un saluto

Artemisia ha detto...

Sono contenta che sei tornato.
Purtroppo non molti conoscono la possibilità di rivolgersi al CORECONS. Io non lo sapevo fino a poco tempo fa quando l'ho appreso da Controradio.

alianorah ha detto...

Ho terminato una battaglia contro un gestore telefonico di cui faccio il nome, Infostrada. Sono tornata a casa Telecom, e finalmente ho un adsl decente, che dovrebbe andare a sette mega e va a sette mega. E non a due come prima.